January15

Re-Made di qualità

Un aspetto importante da considerare oggi giorno nella produzione della plastica è la provenienza dei materiali.

Anche nell’ambito del riciclo bisogna porre attenzione all’origine dei prodotti e al tipo di trattamento a cui sono stati sottoposti. Un’indagine giornalistica realizzata dalla trasmissione televisiva Report denuncia come molte tipologie di plastiche di svariata provenienza vengano inviate verso la Cina.

L’apertura dei mercati di questi paesi ha permesso purtroppo di eludere le norme di controllo e le procedure regolari che garantiscono un prodotto di qualità non dannoso per la salute. I rifiuti plastici contenenti sostanze tossiche vengono così lavorati per diventare nuova materia prima senza seguire le misure idonee durante il trattamento di rigenerazione.

È dunque necessario fare la differenza tra l’esistenza di queste realtà e le forme di riciclo virtuoso che garantiscono prodotti sani e di qualità. Come la missione di Regenesi di utilizzare materie totalmente rigenerate in Italia e di realizzare prodotti con tecnologie all’avanguardia, nel rispetto del vero artigianato italiano. Fate la scelta giusta!

 

  • Posted by Regenesi
  • 1 Tags
  • 3 Comments

Vota il post 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (No Vote)
Loading...

CATEGORIES Blog

  • Name

    Scusatemi tutti, ma ho letto con ritardo i cmetnomi. Sono anche io d’accordo con tutte le cose che avete scritto nei cmetnomi e sono condivisibili le proposte fatte da ognuno. Il problema, perf2, e8 anche quello di scegliere delle priorite0: per esempio, in questo momento le priorite0 nel nostro paese dovrebbero essere una nuova politica industriale basata su una riconversione delle attivite0 come quelle di Finmeccanica (cantieri navali: perche8 ci si ostina a pensare che l’unica cosa che si puf2 costruire sono le navi da crociera quando l’Italia e8 una penisola circondata per tre quarti dal mare e quindi abbiamo bisogno di navi che trasportino i passeggeri da costa a costa e verso le numerose isole per non parlare di quello che occorre alla guardia costiera per lo svolgimento del lavoro di controllo e vigilanza sul mare?) e perche8 non si considera anche il lavoro di demolizione di imbarcazioni non pif9 utilizzabili per il recupero e il riutilizzo dei materiali?), ma anche di altre aziende (esempio positivo: Scandicci, in cui il sindaco e l’amministrazione comunale hanno promosso la riconversione della fabbrica di frigoriferi Electrolux in impresa che produce pannelli fotovoltaici). La seconda priorite0 (non in ordine di importanza) e8 l’impegno per il dissesto idrogeologico che potrebbe essere una delle attivite0 in cui coinvolgere i giovani (come ha gie0 ben spiegato da Fulvia Bandoli). La terza priorite0 quella di venire fuori dalla dipendenza dal petrolio sia per le attivite0 produttive che per le esigenze individuali delle singole famiglie. Il metano si e8 rivelato l’ennesimo investimento inutile per risolvere il problema dell’energia perche8 i costi, per esempio, per le famiglie stanno diventando insostenibili e anche perche8 bisogna importarlo dall’estero. A mio parere le soluzioni sono due: a) ridurre il consumo inutile di enegia; b) e8 necessario impiegare le energie rinnovabili che abbiamo sul territorio (al sud il sole) diversificandole attraverso un cambiamento nel modo di costruire abitazioni e luoghi di lavoro e per questo abbiamo bisogno che ingegneri ed architetti scelgano di specializzarsi in bioingegneria e bioarchitettura. Non sono d’accordo per un utilizzo delle energie rinnovabili concentrato in grandi parchi che potrebbero causare un ulteriore impatto ambientale. Chi dovrebbe occuparsi di tutto questo? Il Governo Monti con l’attuale Parlamento composto da persone che non vogliono togliersi neanche mille euro al mese? Un Governo Monti che tra le tante priorite0 ha scelto l’abolizione dell’articolo 18? Scusatemi, ma credo che in qualsiasi altro paese questa classe dirigente politica sarebbe stata mandata a casa da un pezzo! E anche ammettendo che dobbiamo aspettare le prossime elezioni, questo non toglie che, guardandomi intorno, vedo tante amministrazioni di sinistra in cui queste priorite0 non vengono neanche prese in considerazione. Dovunque si parla di speculazione edilizia, centri commerciali in cui fra pochi mesi non potre0 andare pif9 nessuno a spendere che spuntano e continuano ad essere messi in cantiere come se fossimo alla vigilia del boom economico degli anni sessanta, opere inutili perche8, come ha spiegato benissimo Marco Travaglio Servizio Pubblico la tav in Val di Susa fu pensata basandosi su previsioni che non si sono mai realizzate nel tempo con un costo che rischia di lievitare inevitabilmente, mentre si spendono cifre enormi per gli F 35 in un momento in cui persino l’America fa un passo indietro su queste spese. Di che abbiamo bisogno? Di un progetto di sinistra che raccolga queste priorite0 in un disegno generale per il futuro, facendo gie0 da subito di queste priorite0 una scelta precisa nel concreto, come in parte sta avvenendo in Puglia, e in cui circoli territoriali abbiano una funzione di sollecitazione e di impegno, collegandosi e tenendo le porte aperte verso movimenti e cittadini che si sono impegnati in queste direzioni gie0 da tanto tempo. Il non cogliere la novite0 dei movimenti, il chiudersi nella sola risposta che non si puf2 fare niente perche8 non ci sono soldi, l’inseguimento nelle amministrazioni locali degli oneri di urbanizzazione come unico sistema veloce di fare soldi non aiutano a fare quel salto di qualite0 di cui abbiamo bisogno nel nostro paese. Anche ognuno di noi singolarmente puf2 dare il proprio contributo consumando di meno, rinunciando all’uso e getta continuo, imparando a comprare nei negozi dove si vende l’usato sicuro, smettendo di inseguire l’ultimo modello di telefonino, acquistando i prodotti del commercio equo e solidale, comprando dopo aver letto le etichette e preferendo il prodotto italiano specie per il cibo, non comprando giocattoli per bambini made in china perche8 sono pericolosissimi, seguendo trasmissioni di informazione come Report e Presa Diretta e tanti altri, leggendo giornali e riviste ecologiche (e per i giovani c’e8 internet) sui quali trovare utili consigli per risparmiare l’energia in casa e sul posto di lavoro anche se le case bellissime completamente ecologiche per molti di noi sono un miraggio (e tuttavia meglio inseguire sogni sulla qualite0 della vita che pensare alle ferrari e al lusso inutile).

  • Regenesi

    …una triste conferma alla denuncia di Report. Come se ciò che succede dall’altra parte del mondo non ci riguardasse!! Come può la gente essere così miope?!

  • Mark

    E’ di questi giorni la notizia che è diventata insostenibile – in termini sanitari – l’aria di tutte le grandi aree metropolitante cinesi…. c’è da riflettere!